È un centro dell’Appennino lucano meridionale, compreso nel Parco nazionale del Pollino. Fino al 1813 costituiva un unico comune con Castelluccio Superiore.

La denominazione di Castelluccio nasce in seguito alla costruzione di un castello da parte dei Sanseverino e controllato dal capitano lucano di nome Lucio a Castelluccio Superiore. Da qui il nome Castel di Lucio e successivamente l’odierno nome di Castelluccio.

Storia

Con la soppressione del feudalesimo, Castelluccio Inferiore acquista l’autonomia amministrativa che aveva detenuto fino al 1813 in concomitanza di Castelluccio Superiore. Fino a quel momento era esistito un unico comune dal nome di Castelluccio.

Sarebbe sorto sia sui resti della “Tebe Lucana“, costruita dall’antica popolazione italica degli Osci; e sia sulle rovine dell’antica città presannita e romana di Nerulum (le cui rovine giacciono a pochi chilometri dal paese).

Nel Medioevo appartenne all’Ammiraglio Ruggero di Lauria, alla cui morte i suoi feudi furono divisi. Castelluccio passò sotto il dominio prima dei Sanseverino (che ne furono i feudatari fino alla metà del Cinquecento) e poi, fu feudo dei Baroni CicinelliNapolitano e Palmieri. Nel 1570 passò ai Pescara Di Diano fino alla fine della feudalità 1806.

Nel 1813 avvenne la scissione con Castelluccio Superiore.

Il 9 settembre 1998 alle ore 13.28 si è registrato un evento sismico di Magnitudo 5,6 Richter con epicentro nei comuni di Castelluccio Inferiore e Superiore.

Gravemente danneggiati il palazzo comunale, il campanile e la Chiesa Madre. Quest’ultima, che aveva registrato il crollo della volta centrale, è stata riaperta al culto il 6 dicembre 2013, dopo 15 anni di ristrutturazione.

L’evento sismico ha segnato profondamente la vita economica-sociale della popolazione in concomitanza alla chiusura della Centrale del Mercure, avvenuta nel 1997.

Testo da Wikipedia