Policoro è posizionata sulla fertile pianura di Metaponto a 3 chilometri dal Mar Ionio nelle vicinanze del fiume Agri  nella parte sud-orientale della provincia. È il terzo centro della provincia di Matera come popolazione, ed è il secondo come importanza economica. La città di Policoro, importante centro balneare della regione, è dotata di varie strutture turistiche per il soggiorno estivo e strutture ricettive che sono aperte tutto l’anno. Inoltre questo sito su Policoro vuole offrire dei servizi ad esempio: Marinagri, imponente comprensorio al centro della costa Metapontina.

Nei pressi di Policoro si estende il Bosco Pantano, in cui vegetano specie tipiche di un clima temperato-umido, insolito rispetto al clima caldo-umido del litorale jonico.

Storia

Le origini di Policoro sono antichissime. Essa sorge vicino due antiche città che furono della Magna Grecia lucana, Heraclea e Siris.
Fu costruita intorno al 680 a.C. dai Colofoni provenienti dall’Asia Minore, Policoro fu distrutta da una coalizione Achea agli inizi del VI sec. a.C. Nel corso dei secoli è stata un feudo di numerose famiglie nobili, tra le quali, le più importanti, i Beumont, i Monfort e i Benedettini di Cava. La città odierna sorge a poca distanza dalle rovine dell’antica città di Eraclea. Nel Medioevo si sviluppò un piccolo centro urbano nelle vicinanze del Castello Baronale; dalla fine degli anni cinquanta del secolo scorso non è più una frazione del comune di Montalbano Jonico ed è diventato un comune autonomo a tutti gli effetti.

Nei pressi di Policoro si svolse il primo grande scontro tra i Romani e Pirro nel 280 a.C. Interessantissimo da visitare è il Parco Archeologico, situato alle spalle del Museo Nazionale della Siritide, che custodisce i resti dell’antica città di Siris-Heraclea. Nelle vicinanze del Museo sono ubicati il Santuario di Demetra e il Tempio Arcaico dedicato a Dionisio risalente al VII sec. a.C. Durante gli anni sessanta la zona inizia ad avere un incremento demografico ed economico tale da diventare uno dei centri più importanti della piana.

<Fonte testo Apt>